Life

Benvenuto su Storie di vita e amore! Se sei appena arrivato sul mio blog,ti consiglio di visitare la pagina Nuovo?Comincia da qui 🙂.

Se, invece, vuoi sapere qualcosa di più sulla categoria Life, sei nel posto giusto.

In questa categoria, condivido le mie esperienze sullo stile di vita che amo condurre e che corrisponde alla mia idea di benessere e felicità

Perché?

Per alcuni anni ho vissuto in maniera frenetica e del tutto inconsapevole, lasciando che fosse il lavoro a dettare regole e ritmi.

Era normale che fosse così, dovendo rispettare orari, scadenze, disposizioni aziendali. Non era normale che io ne fossi completamente sopraffatta.

Avevo lasciato che senso del dovere e la mancanza di amore per me stessa fagocitassero la mia parte più vera e autentica, la mia voglia di vivere. Ero un automa che viveva esclusivamente in funzione del lavoro.

Ad un certo punto, mi sono resa conto che la vita non poteva ridursi a quello.

Mi sentivo infelice e dovevo impormi urgentemente uno stile differente, per salvaguardare la mia salute, fisica e mentale.

Vivere Hygge

Io sapevo che è possibile vivere diversamente.

Durante il periodo trascorso in Danimarca, avevo sperimentato in maniera diretta cosa vuol dire vivere secondo lo stile Hygge. Dovevo semplicemente replicarlo qui.

Così ho cercato di ricreare a casa mia quell’atmosfera intima e accogliente, quel clima di semplicità e condivisione che, al rientro dopo una giornata di lavoro scalda il cuore.

E’ stata una scelta felice e anche facile, a dirla tutta.

Cambiare abitudini, concedersi di mettere se stessi al primo posto e ritagliarsi del tempo, relegare il lavoro nel suo spazio, lasciandolo fuori dalla porta ad una certa ora,liberare la mente e aprirsi al relax, ai sorrisi, all’ascolto, alle carezze e agli abbracci, tutto questo sì che può essere difficile, quando non si vive più consapevolmente.

Io lo so quanto ed è per questo che mi piace condividere le mie esperienze.

Vivere green

Vivere in maniera inconsapevole vuol dire non solo perdere il contatto con le proprie emozioni, ma anche con l’ambiente circostante.

Nel periodo di cui parlo, la mia priorità era la praticità, per cui non prestavo attenzione all’impatto che il mio stile di vita aveva sull’ambiente.

Soffocavo quel bisogno che sentivo di trascorrere più tempo all’aria aperta, così come soffocavo tanti altri bisogni.

Eppure la natura è vita, è armonia, è bellezza.

Io non solo ci stavo rinunciando, ma stavo anche contribuendo a danneggiarla e per cosa?

Quando ho capito che dovevo cambiare stile di vita, ho realizzato anche che dovevo riappropriarmi di quel bellissimo rapporto che avevo con la natura e che mi ha regalato alcuni dei momenti più felici della mia infanzia.

Vivere Healthy

Terza ed ultima conseguenza del mio vivere inconsapevolmente, è stata condurre una vita poco salutare.

Mangiavo in maniera disordinata, spesso fuori casa, senza curarmi delle conseguenza. Era una sregolatezza che non trovava alcuna giustificazione, neppure nell’appagamento del gusto, perché spesso mi capitava di mangiare senza neppure sapere cosa, tanto ero presa da altro.

Capirlo è stato come risvegliarmi da un torpore , da un’indifferenza totale verso me stessa. Dovevo fare, fare, fare, e stavo dimenticando di essere, innanzitutto.

Ora, io non sono una fanatica della linea perfetta, della forma fisica ideale, delle diete estreme. Del benessere, quello si. Dell’equilibrio, del sentirsi bene e in armonia con se stessi.

E’questa, forse, la parte del mio stile di vita che mi mette più in difficoltà, che è una sfida continua.

Qui, aver acquistato la consapevolezza non sempre è sufficiente.

Ho un passato di disturbi del comportamento alimentare che pesa come un macigno sulla mia volontà di mangiare bene. Ma non mi arrendo. Anche se ho qualche chilo in più, faccio attività fisica e sono in salute, cerco di mangiare bene tra scivoloni vari. Vivere in maniera salutare per me è una lotta e condividere pensieri, difficoltà, perplessità è un modo per sentirmi meno sola.

Vivere bon ton

Il bon ton mi appartiene profondamente. Ho ricevuto una severa educazione, ma non credo dipenda da ciò. Il mio essere bon ton è declinato come espressione di attenzione e cura per l’altro, sensibilità, tatto e gentilezza, piuttosto che come un elenco di regole da imparare,

Nasce dalla profonda convinzione che essere gentili regali serenità e faccia stare bene sia chi è destinatario di un atto di gentilezza, sia chi lo compie. Fa bene al cuore, preserva dall’acidità e illumina le giornate.

In sintesi

In estrema sintesi, il contenuto della sezione Life, è questo:

  •  Hygge, per riscoprire che la felicità si può trovare nelle piccole cose, nella condivisione, nel calore dei rapporti umani, nell’intimità della propria casa
  • Green, in armonia con l’ambiente circostante, perché la natura è vita
  •  Health .Alimentazione consapevole e movimento, per sentirsi in salute e in forma
  • Bon ton, perchè credo nella gentilezza, nella buona educazione, nel rispetto per i sentimenti altrui

Scopri questo ed altro nella sezione Life