Libri,  Tempo libero

Macbeth, di Jo Nesbo

Macbeth di Jo Nesbo

Macbeth è un romanzo di Jo Nesbo, edito da Rizzoli e pubblicato nel 2018.

Il celebre scrittore scandinavo, con questo suo libro, ha partecipato al progetto di riscrittura delle opere di William Shakespeare, a quattrocento anni dalla sua morte, ideato dalla Hogarth Press.

Progetto che ha coinvolto altri grandi nomi della narrativa straniera, come Margaret Atwood che ha scritto Seme di strega ispirato alla Tempesta o Tracy Chevalier che con Il Ragazzo nuovo ha dato vita ad moderno Otello.

E’ la prima volta che leggo un libro di Jo Nesbo che non faccia parte della saga di Harry Hole, ma il suo talento non mi ha delusa.

Certo non era un compito facile riscrivere una tragedia shakespeariana come il Macbeth in chiave moderna, contestualizzarla e renderla attuale e credibile.

Si potrebbe pensare che Nesbo non ci sia riuscito in pieno, perché il suo racconto è sempre immerso in un’atmosfera surreale, ma, più probabilmente, voleva che fosse esattamente così.

Un altro rischio era che ne venisse fuori un’opera impersonale, che si traducesse in un anonimo remake, senza spessore e spunti narrativi originali.

Rischio che uno scrittore di razza come Jo Nesbo ha saputo sapientemente aggirare, mescolando alla trama originaria elementi che ne hanno fatto un thriller avvincente.

Devo ammettere che inizialmente ho faticato ad addentrarmi in questo libro.

E’ crudo, violento, duro.

Nell’immaginario di Nesbo, il moderno Macbeth veste i panni di un poliziotto corrotto e si muove in una città cupa,il cui cielo è coperto da nubi di smog, che rendono l’aria irrespirabile e su cui batte una pioggia incessante.

Leggendo le descrizioni, l’immagine che si è stagliata nella mia mente è quella di Gotham, dell’omonima serie tv.

Una città dilaniata dal cancro della droga, della criminalità, della corruzione, dal gioco d’azzardo. Come nella tragedia shakespeariana c’è Lady, che muove i fili della mente di Macbeth, quest’uomo i cui principi soccombono dinanzi alla sete di potere, i fantasmi del passato i desideri oscuri della sua amata, le streghe, la profezia, la crudeltà e l’orrore.

Tutti fili tenuti insieme dall’abilità narrativa di Jo Nesbo, che riesce a tessere un romanzo dal ritmo incalzante, un gioco delle parti in cui nessuno è come sembra e che giunge al finale ineluttabile, al quale nessuno dei protagonisti può sottrarsi.

Non importa chi siano i buoni e i cattivi, chi i bianchi e chi i neri, alla fine il banco vince, sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: