Libri

Idda, il libro di Michela Marzano

Idda è il nuovo libro di Michela Marzano, pubblicato da Einaudi, stile libero.

Idda, Michela Marzano

Alessandra era giovanissima, aveva dei progetti per il futuro e dei sogni che si infrangono improvvisamente, quando la mamma, Giulia, muore in un tragico incidente.

Devastata da questa perdita, la ragazza decide di fuggire, taglia ponti con la famiglia e si rifà una vita a Parigi dove trova un lavoro e incontra Pierre, l’amore della sua vita.

Alessandra ora ha quarant’anni, conduce un’esistenza ordinata,metodica, in cui tutto è incasellato, secondo regole che la donna si è data per contenere il dolore.

Ma la verità è che la vita se ne frega delle regole e fa il suo corso, inesorabilmente.

Così, quando idda ( lei), sua suocera Annie, si ammala di demenza senile, Alessandra si ritrova inaspettatamente a fare i conti con quei con i ricordi e con quel passato che aveva creduto di potersi lasciare alle spalle.

Mentre Annie perde via via pezzi del suo passato, Alessandra tenta di rimetterli insieme e nel farlo comincia a ricucire anche il suo, perché all’improvviso dinanzi ai suoi occhi si palesa un gigantesco interrogativo: cosa resta di noi, se non ricordiamo chi siamo stati, se il passato viene inghiottito dall’oblio?

In una storia in cui si intrecciano le vite di tre donne, Alessandra, Annie e Giulia, Michela Marzano, con la sua voce delicata,ci racconta di amore, dolore e sopravvivenza.

Pensare di poter sfuggire al dolore è un illusione. Segna la nostra vita e ci segue ovunque andiamo.

Come non soccombere, allora? Dandogli un senso.

Perché non sempre il passato è quello che decidiamo di ricordare. Possiamo guardarci indietro con occhi diversi e vedere le cose sotto un’altra luce.

Cosa sarebbe successo se quella maledetta sera il padre di Alessandra non si fosse ubriacato e Giulia non fosse morta? Alessandra non avrebbe lasciato la sua terra e non avrebbe mai incontrato l’amore della sua vita.

La sua strada non avrebbe incrociato quella di Pierre, di Annie, dei suoi studenti e la sua storia sarebbe stata un’altra. Meno dolorosa? Chissà…

Non esiste una sola esistenza a questo mondo che non sia stata toccata dal dolore, ma è proprio quando si riesce a riconciliarsi con esso che si apprezza la vita e se ne comprende il senso.

E qual è il senso? L’amore.

L’unica cosa che resta di noi, alla fine, è l’amore.

«La dottoressa ha detto che l’unica frase che non scompare mai è “ti amo”; è quella che scelgono i suoi pazienti quando chiede loro di scrivere su un foglio la frase che preferiscono, anche se della propria esistenza non ricordano più nulla.

È come se solo l’amore potesse ancora tenerli in vita».

(Idda, Michela Marzano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: